+39 039 9467662

Quanto costa ricaricare un'auto elettrica nel 2019
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quanto costa ricaricare un’auto elettrica nel 2019?

Molti italiani si chiedono quanto costa ricaricare un’auto elettrica nel 2019: questo perché, nonostante la crescita delle immatricolazioni di queste vetture, la maggior parte degli automobilisti non è ancora bene informato su cosa comporta la scelta di queste auto. Le modalità di ricarica, i costi, l’autonomia: possiamo dire che, in generale, c’è ancora molta disinformazione. Noi di Rent&Drive, ben consapevoli di quanto possa giovare all’ambiente e alla salute la scelta di una mobilità eco-sostenibile, abbiamo deciso di eliminare ogni dubbio. 

La Situazione dell’Auto Elettrica nel 2019

Secondo il report UNRAE di Settembre 2019, le auto elettriche immatricolate nei primi sette mesi dell’anno sono state 7.707, il 115,3% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La crescita è evidente, il dato è praticamente più che raddoppiato. Tuttavia, il quantitativo di vetture elettriche circolanti in Italia è ancora lo 0,9% del totale delle auto immatricolate. È lecito chiedersi, dunque, perché gli italiani hanno ancora “difficoltà” a scegliere una mobilità completamente sostenibile. 

Le Auto Elettriche Costano Troppo? 

Uno dei problemi di cui si parla di più è il costo essenzialmente alto di queste auto. Non possiamo affermare che è sbagliato dire che i prezzi sono alti, ma possiamo dire che ormai le condizioni sono molto più favorevoli di quanto si crede. Innanzitutto, c’è la possibilità di optare per un noleggio a lungo termine green: tramite questa formula (sappiamo di averlo ripetuto molte volte, ma non è mai abbastanza!) è possibile utilizzare auto tramite canoni mensili contenuti e del tutto accessibili.

In più, lo Stato e molte regioni (in primis la Lombardia) hanno messo a disposizione l’ecobonus e vari altri incentivi che abbassano il costo totale di queste auto. Questi incentivi, non dimentichiamolo, possono essere utilizzati anche mediante lo stesso noleggio a lungo termine. 

Vuoi sapere a quanto ammontano gli incentivi? Leggi il nostro articolo.

In più, non dobbiamo dimenticarci di un fattore fondamentale: queste auto consentono un risparmio sul lungo periodo davvero notevole, in termini di circolazione (anche nelle ZTL), di parcheggi (in molti casi gratuiti) e soprattutto in termini di carburante. Per questo cercheremo di rispondere a questa domanda: quanto costa ricaricare un’auto elettrica nel 2019?

Costi di Ricarica

Non esiste una risposta definitiva e “oggettiva” a questa domanda. La verità è che il costo di ricarica di un’auto elettrica dipende da molteplici fattori, fra cui uno fondamentale: dove si ricarica la vettura. 

  • Per chi sceglie una colonnina di ricarica, i costi saranno di circa 45/55 centesimi a kilowattora, ma i tempi saranno brevi.
  • Tempi più lunghi, invece, per chi decide di ricaricare una vettura elettrica tramite una presa domestica. In questo caso, il costo può scendere anche a circa 20/30 centesimi a kilowattora.

Il Report di Energy & Strategy Group 

Secondo l’ultimo report di Energy & Strategy Group, il costo medio di ricarica è di 40 centesimi a kilowattora. Nel report si legge che:

  • il 60% di chi possiede un’auto elettrica la ricarica tramite una presa domestica, ad un costo di 0,22€/kWh;
  • il 25% utilizza punti di ricarica gratuita presso “punti di interesse”, ovvero cinema, centri commerciali etc;  
  • il 10% si affida a punti di ricarica pubblica “normal charge”, ad un costo di 0,40€/kWh;
  • il 5% sceglie punti di ricarica pubblica in modalità “fast charge”, che ha un costo di 0,50€/kWh (maggiore rispetto al precedente perché aumenta la potenza di ricarica, diminuendo i tempi e prendendo appunto la definizione di “ricarica veloce”).  

Sempre secondo il report, in Italia il numero di punti di ricarica pubblici e privati sono circa 8.200. La distribuzione di questi punti di ricarica è però disomogenea a livello regionale. In Lombardia, ad esempio, ne sono presenti oltre 1.000, mentre al Sud siamo mediamente sotto i 500. 

Se invece ci concentriamo solo sui punti di ricarica pubblici, su tutto il territorio nazionale ce ne sono circa 3.500, in crescita  del 23% rispetto all’anno precedente. L’80% dei punti di ricarica è di tipo “normal charge”, mentre il restante 20% è di tipo “fast charge”. 

Scopri quali sono i 10 modelli di auto elettriche più venduti nel 2019.

Dove Ricaricare l’Auto Elettrica nel 2019

Vediamo ora, nello specifico, dove è possibile ricaricare un’auto elettrica nel 2019. 

Ricarica Domestica

Per la maggior parte di coloro che possiedono un’auto elettrica, la modalità di ricarica principale è quella domestica. Molti infatti sono abituati a ricaricare il veicolo nel momento in cui lo si posa nel proprio box auto, optando tendenzialmente per una ricarica dai tempi relativamente lunghi e con potenza ridotta.

Le moderne batterie al litio impiegate oggi per le auto elettriche beneficiano soprattutto della ricarica parziale: non è vero, quindi, che è da preferire in ogni caso la ricarica completa e, soprattutto, non è necessario aspettare che l’auto si scarichi del tutto per poter procedere alla ricarica. 

Il consumo dipende, in generale, da quanto è potente la batteria del veicolo. È chiaro che auto con una batteria più potente necessita di maggiore tempo ed energia per essere ricaricate. In linea di massima, secondo anche i costi medi menzionati in precedenza, con 1€ si percorrono circa 30/35 km

Parcheggio Aziendale

Il secondo posto più scelto per ricaricare le auto elettriche nel 2019 è il parcheggio aziendale. Questo perché, dopo la propria abitazione, è il luogo dove si trascorre più tempo.
In linea di massima, il motivo principale per il quale si sceglie il lavoro per ricaricare l’auto è perché questa fa parte di una flotta aziendale. Un altro motivo, potrebbe essere l’impossibilità, da parte del guidatore, di ricaricare il veicolo a casa, magari perché non possiede un garage.

Ricarica nelle Stazioni di Servizio

Molte stazioni di servizio hanno deciso di ampliare la propria offerta e mettere a disposizione degli automobilisti un punto di ricarica per veicoli elettrici. In questo caso, però, bisogna considerare la tempistica: normalmente i tempi per ricaricare l’auto elettrica nel 2019 sono comunque più lunghi di una vettura ad alimentazione tradizionale. Per questo motivo, è consigliabile optare per stazioni di ricarica ad alta potenza in corrente continua. Tramite questi punti, si può ricaricare l’auto in circa mezz’ora. 

Centri Commerciali o Strutture Ricettive

Molti centri commerciali o strutture ricettive mettono a disposizione colonnine di ricarica. Questa è un’alternativa piuttosto valida, dal momento che è possibile trascorrere del tempo a fare shopping o altro e, nel mentre e senza alcuna fatica, lasciare la propria vettura in carica.

Vantaggi dell’Auto Elettrica nel 2019

Ricapitolando, ci sembra giusto ricordare i vantaggi di un’auto elettrica. Abbiamo visto che i costi a breve termine sono leggermente più alti di quelli previsti per una vettura ad alimentazione tradizionale, ma, sul lungo termine, sono maggiori le prospettive di “recuperarli”.

  • Un’auto elettrica ha una durata superiore rispetto alle altre vetture e può fare mezzo milione di chilometri senza nessuna manutenzione. Considerando che gli italiani cambiano auto in media ogni 10 anni e più, c’è anche da dire che dopo tale tempo la vettura avrà le stesse prestazioni che aveva il primo anno. In una prospettiva di lungo termine, l’auto elettrica in definitiva costa meno di quella con motore termico.
  • I consumi, come abbiamo visto nell’articolo, sono inferiori. Con un pieno, un’auto elettrica costa quasi 1/3 in meno rispetto all’auto a benzina. I costi quotidiani saranno indubbiamente inferiori, considerando anche i parcheggi gratuiti e tutte le altre agevolazioni economiche che abbiamo citato.
  • Non meno importanti, infine, sono i vantaggi per l’ambiente. Giorno dopo giorno aumenta la consapevolezza di quanto sia importante salvaguardare il mondo, anche per il futuro dei nostri figli, e la scelta
    di un’auto ad emissioni zero va indubbiamente in questa direzione.
  • L’auto elettrica assicura anche zero sprechi, poiché molte delle componenti possono essere riciclate: basti pensare che quando le batterie non potranno più essere utilizzate per l’auto (poiché necessiterebbero di troppo tempo per la carica), hanno ancora l’80% delle proprie capacità.

Condividi questo articolo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Chiedi un preventivo gratuito

Per essere contattato dai nostri esperti e ricevere un’offerta su misura.